Il crowdlending come opzione di prestito alternativa per le PMI

Nel 5° episodio del podcast ‘Do you speak crowdlending?’, Tobias Angehrn condivide le sue prospettive sul crowdlending come mezzo di finanziamento alternativo per le PMI. Anche se questo episodio è stato registrato all’inizio del 2020, le sue esperienze e intuizioni dal settore del crowdlending sono ancora rilevanti oggi!

Tobias ha raccolto oltre 12 anni di esperienza nel settore bancario. Ha iniziato con un apprendistato presso Raiffeisen Schweiz prima di passare al Credit Suisse come vicepresidente aggiunto. A causa del suo fascino per l’imprenditorialità in giovane età, alla fine, la sua vera passione lo ha portato a passare al settore fintech. Dapprima con Advanon, prima di fondare la sua società, Finwize.ch. Notevolmente, Tobias è anche attualmente l’ambasciatore del crowdfunding per Crowdify e il direttore generale di Tresio.

Leggi il riassunto del suo intrigante podcast qui sotto!

Qual è stata la motivazione di Tobias dietro l’immersione nell’industria del crowdfunding e del crowdlending?

Tobias si è imbattuto per la prima volta nel concetto di crowdlending nel 2008. Qualche anno dopo, il crowdlending ha iniziato a prendere piede in Svizzera, ed è stato allora che ha capito che doveva far parte di questo cambiamento cruciale nel settore finanziario. Inoltre, durante il suo periodo nel settore bancario, Tobias ha avuto a che fare principalmente con contabili e CFO, ma non particolarmente con i proprietari di imprese. Sentiva di non avere un grande impatto diretto e voleva “muoversi di più e più velocemente”, il che lo ha portato all’industria del crowdlending.

In che modo l’industria fintech differisce dal mondo aziendale?

Ci sono varie distinzioni evidenti tra i due. Per Tobias, nel fintech, la differenza più significativa è il ritmo delle imprese. Ha osservato che l’input di ogni individuo potrebbe cambiare sensibilmente la direzione di un’azienda. La velocità nel mondo aziendale è considerevolmente più lenta. Inoltre, nel mondo aziendale, le strutture e le infrastrutture esistono già. In una start-up, spesso devi costruire tutto da zero, e molto spesso, non ci sono processi in atto se vuoi sperimentare qualcosa di nuovo.

“Con il crowdlending, si può anche investire in piccole o grandi somme e avere direttamente un impatto reale su quelle aziende”.

Quali sono i vantaggi del crowdlending dal punto di vista di un investitore?

I due vantaggi principali sono la diversificazione e l’impatto. Il crowdlending è un’asset class completamente nuova, con una bassa correlazione con altre asset class. Da un punto di vista della teoria del portafoglio, si può davvero diversificare con il crowdlending. Con il crowdlending, si può anche investire in piccole o grandi quantità e fare direttamente un impatto reale su quelle aziende.

Cos’è Finwize? Il ruolo di Tobias in questa azienda e Tresio, il suo nuovo progetto di passione.

Finwize è un assistente finanziario digitale per le PMI ed è attualmente attivo in tre campi di attività, 

1) consulenza finanziaria, 2) consulenza sull’acquisizione di prestiti attraverso modi alternativi di finanziamento 3) Tresio – uno strumento di pianificazione dei flussi di cassa per le PMI.

Tobias è attualmente il direttore generale di Tresio. Secondo la sua opinione, in Svizzera, la mancanza di flusso di cassa è ancora una delle maggiori cause di declino per le aziende. Crede che Tresio possa essere uno strumento per aiutare ad alleviare questo problema per le PMI.

Perché Tobias è così motivato ad aiutare le PMI nel loro percorso?

A Tobias piace circondarsi di coloro che sono appassionati di PMI e imprenditorialità. Con le PMI, crede che si possa fornire valore direttamente alle imprese e creare un impatto. Ti permette anche di interagire direttamente con i responsabili delle decisioni e di ottenere intuizioni sulla loro mentalità. Per lui, questo è davvero stimolante e una fantastica opportunità di apprendimento.

“Le piattaforme di crowdlending sono di solito molto flessibili e rapide nel processo decisionale, e le aziende dovrebbero approfittarne”.

Quale sarebbe il consiglio di Tobias per le PMI sul finanziamento?

In primo luogo, è fondamentale valutare la propria situazione e avere una comprensione approfondita della propria posizione finanziaria. Esplorate i vari tipi di finanziamento e quanto ha senso per voi. Spesso, gli imprenditori cercano aiuti finanziari senza sapere di che tipo di prestito hanno bisogno o cosa faranno con il denaro. Se devi ottenere un prestito, dovresti calcolare quanto ti costerà (compresi gli interessi) e quanto valore puoi ottenere da esso.

In secondo luogo, cerca le opzioni disponibili. Al giorno d’oggi, esistono vari modi eccitanti e innovativi per finanziare un’azienda, specialmente con il crowdlending. Le piattaforme di crowdlending sono di solito molto flessibili e rapide nel processo decisionale, e le aziende dovrebbero approfittarne.

Infine, leggete le clausole scritte in piccolo. I proprietari di PMI possono a volte trascurare i piccoli dettagli. Possono pensare di prendere un prestito con un tasso d’interesse dell’1% annuo senza rendersi conto delle garanzie collegate. Valutate e valutate i rischi. Forse, in alcuni casi, potrebbe essere più favorevole avere un prestito non garantito e pagare un tasso d’interesse più alto, ma non dover rischiare di perdere il proprio capitale fisso nel caso in cui la propria azienda abbia difficoltà finanziarie.

Qual è la differenza tra crowdfunding e crowdlending?

Secondo Tobias, il crowdfunding è basato su una ricompensa, mentre il crowdlending – ricevi indietro i tuoi soldi con gli interessi. Con il crowdfunding, aiuti un’azienda a realizzare la sua idea contribuendo al progetto. In cambio, ricevi delle ricompense – un prodotto o un servizio, senza riavere i tuoi soldi.

“Parli di crowdlending?”

Questo podcast mira a coprire vari aspetti dell’industria del crowdlending! La sua missione è quella di fornirvi tutti gli approfondimenti di questo mercato e aiutarvi a prendere decisioni informate.

Questo podcast è disponibile su SpotifyApple PodcastsSticherSoundCloud and Youtube.

Lascia un commento